La Regione Emilia-Romagna, attraverso l’istituzione del Fondo per l’audiovisivo, intende supportare la produzione di opere cinematografiche e audiovisive culturali realizzate in Emilia-Romagna, in grado di contribuire allo sviluppo della filiera regionale e alla professionalizzazione dei suoi differenti attori. 

Il presente bando intende proseguire e rafforzare le azioni intraprese nel triennio 2018-2020 e disciplina la concessione di contributi a sostegno della produzione di opere cinematografiche e audiovisive realizzate sul territorio regionale da imprese regionali.

Tipo di sovvenzione

L’agevolazione prevista nel presente bando consiste in un contributo, a valere sulle spese ammissibili.

La percentuale di contributo erogato varia da un minimo del 35% ad un massimo del 50% delle spese ammissibili sulla base del punteggio ottenuto dal progetto.

Nel dettaglio vengono inoltre definiti seguenti massimali di contributo:

  1. Per i lungometraggi, film e serie televisive fino ad un massimo di 150.000,00 euro;
  2. Per i documentari fino ad un importo massimo di 50.000,00 euro;
  3. Per i cortometraggi e opere web fino ad un importo massimo di 25.000,00 euro.

Non sono ammessi progetti che comportano costi ammissibili inferiori ad euro 15.000,00.

Agevolazione concessa in regime de minimis (Regolamento UE n. 1407/2013).

Ammissibilità

L’intervento regionale è finalizzato alla concessione di contributi per la produzione (pre-produzione, riprese/lavorazione, post-produzione) sul territorio dell’Emilia-Romagna delle seguenti opere audiovisive:

  1. Opere cinematografiche di lungometraggio (con durata superiore a 52 minuti), ovvero opere destinate prioritariamente alla visione nelle sale cinematografiche;
  2. Opere televisive, ovvero film (con durata superiore a 52 minuti) o serie (almeno due episodi con durata complessiva pari o superiore a 90 minuti) destinati prioritariamente alla diffusione attraverso un’emittente televisiva;
  3. Opere web, ovvero opere destinate alla diffusione mediante fornitori di servizi media audiovisivi (con durata superiore a 52 minuti); e cortometraggi ovvero opere audiovisive, anche seriali, aventi durata complessiva inferiore o uguale a 52 minuti;
  4. Documentari, ovvero opere audiovisive la cui enfasi creativa è posta prioritariamente su avvenimenti, luoghi o attività reali, anche mediante immagini di repertorio, e in cui gli eventuali elementi inventivi o fantastici sono strumentali alla rappresentazione e documentazione di situazioni e fatti.

Ciascuno dei generi sopra riportati può essere realizzato, sia parzialmente che integralmente, con tecniche di animazione.

Per essere ammissibili i progetti dovranno soddisfare almeno uno dei seguenti criteri: 

  1. Realizzare sul territorio dell’Emilia-Romagna non meno del 30% dei giorni di ripresa totali; 
  2. Sostenere sul territorio dell’Emilia-Romagna almeno il 30% dei costi “sotto la linea” preventivati. Tale parametro è verificabile rapportando le spese effettuate in Emilia-Romagna rispetto al costo totale di produzione. 

Non possono essere sostenute dal Fondo per l’audiovisivo, le opere cinematografiche nonché quelle audiovisive con contenuti: 

  • A carattere pornografico o che incitano alla violenza o all’odio razziale; 
  • Pubblicitari o esclusivamente commerciali, promozionali, didattici, anche a finalità turistiche o istituzionali; 
  • A carattere promozionale ed intrattenimento di un brano musicale o di un artista. 

Beneficiari

Possono presentare i progetti e, conseguentemente, essere beneficiari del contributo regionale le imprese singole con sede legale in Emilia-Romagna o con unità operativa attiva sul territorio regionale da almeno 12 mesi, che esercitano attività di produzione audiovisiva, cinematografica o televisiva. 

Tali soggetti devono trovarsi in una delle seguenti posizioni: 

  1. essere produttore unico; 
  2. essere coproduttore con quota di maggioranza del progetto presentato;
  3. essere designato dai/l partner come produttore delegato, in caso di coproduzioni con quote di pari valore; 
  4. essere produttore esecutivo in possesso di un contratto, un deal memo o una lettera di impegno per la produzione con il produttore principale del progetto. Nel caso in cui al momento della presentazione della domanda di contributo non sia ancora disponibile il contratto sottoscritto fra le parti, è indispensabile inviare alla Regione il contratto perfezionato entro 60 giorni dal termine di presentazione delle candidature, pena l’inammissibilità al contributo. 

In particolare possono accedere ai contributi le singole imprese che, al momento della presentazione della domanda, presentino i seguenti requisiti: 

  1. esercitare attività prevalente e/o secondaria di produzione cinematografica e audiovisiva “codice Ateco 59.11.00” e che come tali siano iscritte nel Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio territorialmente competente; 
  2. essere attive e non trovarsi in stato di liquidazione o di fallimento e di non essere soggetto a procedure di fallimento o di concordato preventivo, fatta eccezione per il concordato in continuità omologato; 
  3. possedere una situazione di regolarità contributiva per quanto riguarda la correttezza nei pagamenti e negli adempimenti previdenziali, assistenziali ed assicurativi nei confronti di INPS e INAIL (DURC regolare) oppure, qualora non obbligate in base alla normativa vigente, non essere iscritte all’INPS e/o INAIL, ma possedere una situazione previdenziale e assicurativa in regola con la normativa vigente; 
  4. non aver ricevuto la revoca per inadempienza di un contributo, a valere sulla L.R. 20/2014, nei 12 mesi precedenti alla candidatura, salvo il caso di rinunce. 

Spese ammesse

Sono da ritenersi ammissibili ai fini del calcolo del contributo le spese che concorrono al costo di produzione elencate nell’Allegato d): “Preventivo dei costi di progetto” del presente Bando, effettivamente sostenute nel territorio emiliano-romagnolo, ad eccezione delle spese per il soggetto e la sceneggiatura, le spese generali ed il compenso del produttore (producer fee). 

Il beneficiario del contributo sarà tenuto a produrre copia di tutte le spese ammissibili, anche se non tutte da lui sostenute, pena la non ammissibilità delle stesse.

Per spese sostenute sul territorio regionale si intendono quelle relative a: 

  1. compensi per il personale di produzione, regia, montaggio, personale tecnico ed artistico, nonché maestranze se e solo se residente in Emilia-Romagna. Per questa tipologia di spesa fa fede l’importo lordo indicato sulla busta paga; 
  2. prestazioni effettuate da professionisti con residenza fiscale in Emilia-Romagna. In tal caso fa fede l’importo indicato sulla fattura (al netto dell’IVA se detraibile, al lordo di eventuale ritenuta d’acconto e/o rivalsa INPS); 
  3. compensi per le prestazioni occasionali di residenti in Emilia-Romagna, ammessi solamente entro il limite del 15% del totale dei costi ammissibili; 
  4. spese per prestazioni effettuate dal titolare, dai soci e da tutti coloro che ricoprono cariche sociali nell’impresa richiedente, se residenti in Emilia-Romagna, purché contrattualizzate, riferite ad una specifica attività del progetto (ad eccezione delle consulenze) e documentate sulla base delle norme contabili e fiscali vigenti; 
  5. acquisto di materiale di repertorio, purché da fornitori con sede operativa in Emilia-Romagna; 
  6. acquisto di beni di consumo non durevoli o servizi da fornitori con sede operativa in Emilia-Romagna; 
  7. noleggio di spazi, location, uffici e relative utenze purché siti in regione Emilia-Romagna e chiaramente afferenti in via esclusiva al progetto e per un periodo definito; 
  8. noleggio di beni durevoli da fornitori con sede operativa in Emilia-Romagna; 
  9. costi per permessi e autorizzazioni; 
  10. l’imposta sul valore aggiunto (IVA) solo se è realmente e definitivamente sostenuta dall’impresa. L’IVA che può essere in qualche modo recuperata non può essere considerata ammissibile anche se essa non sarà effettivamente recuperata. 

Retroattività

L’inizio delle attività sul territorio regionale (pre-produzione, riprese/lavorazione, post-produzione) dovrà avvenire non prima della data di presentazione della domanda di contributo e comunque nel corso del 2019.

Il termine ultimo per la conclusione del progetto è fissato al 31 Dicembre 2020.

Le attività sul territorio regionale previste nel progetto dovranno, in linea di massima, essere realizzate per un minimo del 65% nel corso del 2019. 

Tempistica

La trasmissione delle domande di contributo dovrà essere effettuata entro i termini di seguito indicati: 

  • Prima sessione: entro le ore 16:00 del 28 febbraio 2019; 
  • Seconda sessione: dalle ore 16:00 del 01 luglio 2019 alle ore 16:00 del 31 luglio 2019. 

Ciascuna impresa può presentare non più di una domanda di contributo per ognuna delle due sessioni di valutazione previste per il 2019, a valere sul presente bando. 

Cumulabilità

Le agevolazioni previste dal presente bando non sono cumulabili con altre agevolazioni pubbliche, concesse per le medesime spese.

I progetti presentati a valere su questo bando non potranno essere presentati sul “Bando per il sostegno alla produzione di opere cinematografiche e audiovisive realizzate da imprese nazionali ed internazionali – anno 2019”, pena l’esclusione da entrambi i bandi. 

Un progetto presentato nel corso della prima sessione del bando non può essere ripresentato, anche se da diverso produttore, nel corso della seconda sessione. 

Il contributo concesso sarà erogato in due fasi nel modo seguente: 

  1. una prima quota, in relazione ad un primo stato di avanzamento delle attività realizzate alla data del 31/12/2019, la cui richiesta di erogazione dovrà pervenire alla Regione entro il 31/01/2020; 
  2. il saldo ad ultimazione del progetto e dietro presentazione dell’apposita documentazione di rendicontazione finale, da far pervenire entro 30 giorni dal completamento del progetto. 

Informazioni

Compila il form di contatto che trovi in questa pagina.

L’articolo Emilia-Romagna: bando cinema e opere audiovisive sembra essere il primo su Golden Group.

Leggi l'articolo su www.goldengroup.biz