Risparmio energetico, è prevista un’agevolazione fiscale consistente in detrazioni dall’Irpef o dall’Ires pari al 65% delle spese sostenute per l’esecuzione di interventi che aumentano il livello di efficienza energetica degli edifici esistenti. In particolare, le detrazioni sono riconosciute se le spese sono state sostenute per:

  • La riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento;
  • Il miglioramento termico dell’edificio (coibentazioni – pavimenti – finestre, comprensive di infissi);
  • L’installazione di pannelli solari;
  • La sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale;
  • L’acquisto, l’installazione e la messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento o produzione di acqua calda o di climatizzazione delle unità abitative, volti ad aumentare la consapevolezza dei consumi energetici da parte degli utenti e a garantire un funzionamento efficiente degli impianti.

Risparmio energetico, tipologie di intervento:

  1. Riqualificazione energetica di edifici esistenti;
  2. Interventi sugli involucri degli edifici;
  3. Installazione di pannelli solari;
  4. Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale.

Beneficiari

Sono ammessi a fruire della detrazione per il risparmio energetico tutti i contribuenti residenti e non, anche se titolari di reddito d’impresa, che possiedono, a qualsiasi titolo, l’immobile oggetto di intervento.

In particolare, sono ammessi all’agevolazione:

  • Le persone fisiche, compresi gli esercenti arti e professioni;
  • I contribuenti che conseguono reddito d’impresa (persone fisiche, società di persone, società di capitali);
  • Le associazioni tra professionisti;
  • Gli enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale.

Si ha diritto all’agevolazione anche quando il contribuente finanzia la realizzazione dell’intervento di riqualificazione energetica mediante un contratto di leasing. In tale ipotesi, la detrazione spetta al contribuente stesso (utilizzatore) e si calcola sul costo sostenuto dalla società di leasing.

Tipo di sovvenzione

L’agevolazione fiscale per il risparmio energetico consiste in una detrazione dall’imposta lorda, che può essere fatta valere sia sull’Irpef che sull’Ires, nelle seguenti misure:

  • 55% delle spese sostenute fino al 5 giugno 2013;
  • 65% delle spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2016 sia per interventi sulle singole unità immobiliari sia quando l’intervento è effettuato sulle parti comuni degli edifici condominiali, o se riguarda tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio.

Detrazione massima per tipologia di intervento:

  • Riqualificazione energetica di edifici esistenti: 100.000,00 euro;
  • Interventi su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o unità immobiliari, riguardanti strutture opache verticali e orizzontali: 60.000,00 euro;
  • Installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda: 60.000,00 euro;
  • Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale: 30.000.00 euro;
  • Acquisto e posa in opera delle schermature solari: 60.000,00 euro;
  • Acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili: 30.000,00 euro.

Per le spese relative all’acquisto, installazione e messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento o produzione di acqua calda o di climatizzazione delle unità abitative, non è stato fissato uno specifico tetto per la detrazione massima.

Tempistica

La legge di stabilità 2016 ha prorogato al 31 dicembre 2016, nella misura del 65%, la detrazione fiscale per gli interventi di riqualificazione energetica e l’adeguamento sismico degli edifici e del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione.

 

 

Ulteriori informazioni

@GoldenGroupBO

 

[contact-form-7 404 "Not Found"]

L’articolo Risparmio energetico: detrazioni per il settore dell’edilizia sembra essere il primo su Golden Group.

Leggi l'articolo su www.goldengroup.biz